Antidote chiede a Riot Games di offrire maggiori opportunità a Valorant dell’Asia meridionale

Antidote chiede a Riot Games di offrire maggiori opportunità a Valorant dell’Asia meridionale


Una delle icone Valorant più popolari nel circuito dell’Asia meridionale, Sabyasachi “Antidote” Bose, ha parlato con Dexerto della sua transizione da CS:GO e dei suoi impegni futuri.

Da quando il gioco professionale ha iniziato a crescere in India, un giocatore che ha generato molto entusiasmo nel paese è Antidote. Dall’essere uno dei migliori AWPer durante i giorni di Counter-Strike all’essere attualmente uno dei migliori leader di Valorant, Antidote si è affermato come una delle figure di eSport più importanti dell’India.

Il 2022 si preannuncia come uno degli anni migliori nella carriera di Antidote. La sua squadra, Enigma Gaming, si è qualificata per i VCT APAC Stage 2 Challengers, in cui si sono scontrati con alcune delle migliori squadre della regione.

un momento vincente per Antidote in Valorant
Enigma Gaming, Skyesports

Antidote è uno dei migliori giocatori Valorant dell’Asia meridionale.

Enigma non è uscito dalla fase play-in dopo le sconfitte ravvicinate contro Made in Thailand e CERBERUS Esports, ma per Antidote e il suo team è stata comunque un’esperienza preziosa.

LEGGI ANCHE :  Ludwig e JSchlatt stanno aiutando i creatori di YouTube a evitare rivendicazioni di copyright con un nuovo progetto musicale

Antidoto non ha sempre avuto un giro tranquillo

Parlando con Dexerto del suo viaggio, ha notato che la sua carriera era “scivolosa e accidentata” all’inizio prima che le cose alla fine iniziassero a migliorare.

“Dopo aver iniziato con Counter-Strike 1.6 nel 2011, alla fine sono passato a CS: GO nel 2015 e ho rappresentato l’India in numerosi tornei nazionali e internazionali”, ha affermato. “Penso di essere diventato uno dei migliori AWPer in India durante quel periodo.”

Fu nel 2020 che Antidote si rese conto che la scena CSGO in India era diventata stagnante, con solo una manciata di squadre che si fronteggiavano regolarmente. Fortunatamente per lui, Valorant è stato rilasciato quello stesso anno, catapultando gli eSport indiani a livelli più alti.

“Ho perso la motivazione per continuare con CSGO durante quel periodo e fortunatamente Valorant è stato lanciato e la maggior parte degli ex giocatori CSGO è passata al nuovo gioco e ha subito un clic”, ha detto.

LEGGI ANCHE :  Giocatori CSGO con i guadagni più alti, che portano i soldi

La sua prima squadra di Valorant, Velocity Gaming, è rimasta imbattuta nell’anno di debutto del gioco e ha tenuto il proprio a livello internazionale, finendo la finale PVP Esports al terzo posto. Successivamente, ha assunto il ruolo nel gioco per concentrarsi maggiormente sulle strategie e sui giochi crunch, dando al contempo ai giocatori più giovani e dotati di meccanica più spazio per brillare.

“So di poter guidare una squadra, posso creare una squadra vincente”, ha detto.

Quando Antidote ha rappresentato il suo paese tramite l’impresa indiana di Optic Gaming, un evento maledetto ha scosso l’intera scena di gioco indiana dopo che Nikhil “forsaken⁠” Kumawat è stato sorpreso a barare alle finali asiatiche di eXTREMESLAND 2018 a Shanghai, in Cina. Tuttavia, Antidote e gli altri giocatori non sono rimasti sorpresi dall’incidente e hanno continuato a lavorare sodo.

“Ci siamo comportati bene e abbiamo vinto [a map] contro pro100 in Dreamhack, una delle migliori squadre al mondo, su LAN”, ha detto. “Non credo che quell’incidente abbia causato gravi danni alla scena indiana”.

un'immagine di Antidote che rappresenta l'India in LAN
Liquipedia

Antidote era principalmente un AWPer in CSGO

LEGGI ANCHE :  4 giocatori su 5 di Saigon Buffalo ottengono il visto per i Mondiali 2022

Fiorente scena LAN in India

Di recente, Skyesports ha ospitato un evento regionale su LAN chiamato Champions Series, che ha visto Global Esports ed Enigma Gaming qualificarsi per gli APAC Stage 2 Challengers. Come molti altri giocatori indiani, Antidote è uscito dall’evento immensamente colpito.

“Tutti gli organizzatori del torneo stanno facendo un lavoro straordinario, stanno riportando l’ambiente LAN in India”.

Antidote ha aggiunto che l’Asia meridionale ha dimostrato il suo valore in termini di numero di spettatori e ha invitato Riot a dare alla regione più possibilità di competere all’estero.

“Abbiamo già dimostrato di avere i numeri qui”, ha detto. “L’Asia meridionale è una delle regioni più viste nella comunità, quindi Riot dovrebbe darci più opportunità”.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.