Ark 2: Tutto quello che sappiamo sul sequel di sopravvivenza con Vin Diesel

Ark 2: Tutto quello che sappiamo sul sequel di sopravvivenza con Vin Diesel


Nel seguito di ARK: Survival Evolved, puoi aspettarti non solo il potere delle stelle, ma anche numerose nuove funzionalità – Riassumiamo tutte le informazioni.

Dalla sua uscita originale il 2 giugno 2015, ARK: Survival Evolved è diventato un appuntamento fisso nel genere survival ed è stato in grado di mantenere il suo elevato numero di giocatori fino ad oggi. Dopo cinque espansioni a pagamento e numerose gratuite, lo sviluppatore Wildcard sta ora mettendo a punto tutto per il sequel.

Ark 2 si svolge dopo gli eventi del DLC “Genesis: Part 2” e molto probabilmente porterà i giocatori su un pianeta inesplorato simile alla Terra. Lo stesso pianeta sulla cui superficie il clone Santiago da Costa, interpretato da Von Diesel, si è schiantato alla fine dell’espansione.

Tutto il resto che sappiamo sul sequel del successo di dinosauri è riunito per te in questo articolo.

Quando uscirà Ark 2?

La data di uscita di Ark 2 è stata posticipata al 2023 Ciò è confermato da un nuovo trailer, presentato in anteprima all’Xbox & Bethesda Showcase 2022. Come la prima parte, Ark 2 sarà inizialmente rilasciato in una versione Early Access su Steam

Ark 2 arriverà su Xbox Game Pass?

Sì, Microsoft e Wildcard da allora hanno annunciato che il sequel sarà disponibile anche su Game Pass dal primo giorno. La versione non completata verrà eseguita lì sotto l’etichetta “Anteprima del gioco” e sarà elencata nella categoria corrispondente del catalogo del gioco.

Il nuovo trailer non lascia dubbi sul fatto che Vin Diesel sia ancora coinvolto nel progetto. Oltre al ruolo di clone Santiago, ricopre il titolo di “President of Creative Convergence” presso lo studio di sviluppo. Secondo Wildcard, la star di Hollywood conosce e ama intimamente Ark: Survival Evolved e lo porta a circa 1.000 ore di gioco.

Sarà un gioco di storia adesso?

Anche se gli sviluppatori stanno usando il potere stellare di Vin Diesel per raccontare una storia su Santiago, sua figlia Meeka, promesse non mantenute, tradimento e molti dinosauri, Ark 2 rimane fedele alle sue radici di sopravvivenza multiplayer.

LEGGI ANCHE :  Skin e campioni scontati dal 20 giugno

Potrai comunque competere o allearti con altri giocatori su server ufficiali e non ufficiali, domare dinosauri e costruire strutture. Tutti questi aspetti devono essere notevolmente migliorati e ampliati.

Per coloro che vogliono entrare nell’atmosfera per la storia, quest’anno verrà lanciata una serie animata con 14 episodi di 30 minuti ciascuno. Oltre a Vin Diesel, altri attori famosi come Gerard Butler e Russel Crowe presteranno le loro voci ai personaggi. Puoi avere un’idea della serie nel trailer:

Quali nuove funzionalità attendono i sopravvissuti?

L’elenco delle meccaniche di gioco nuove e migliorate è lungo e include una sensazione di combattimento completamente nuova, dinosauri più intelligenti, animazioni basate sulla fisica e un ampio supporto per le mod.

I sopravvissuti possono aspettarsi una nuova esperienza di gioco.

Prospettiva in terza persona e parkour

Al rilascio,

Ark 2 sarà giocabile esclusivamente dalla prospettiva della spalla. Potrai quindi osservare da vicino il tuo personaggio mentre utilizza il vasto nuovo repertorio di movimenti. Ciò include ora l’immersione automatica sugli ostacoli, l’arrampicata libera su ripide scogliere, lo scivolamento mirato e l’oscillazione sulle corde.

Gli sviluppatori citano le abilità di parkour dei protagonisti di Assassins Creed così come l’arrampicata in Zelda: Breath of the Wild come fonte di ispirazione per la nuova mobilità del tuo personaggio.

Nuova fazione: gli Aratai

Oltre ai dinosauri e ad altri giocatori, affronterai anche una fazione completamente nuova: gli Aratai. Presumibilmente saranno una tribù NPC che avvicinerà i duelli umanoidi rielaborati a tutti coloro che normalmente non competono con altri umani. Ma anche sui server PvP non è probabile che rendano l’ambiente meno pericoloso.

Gli Aratai domano anche i propri dinosauri e li usano contro di te in battaglia. Come funzioneranno esattamente gli incontri con loro, tuttavia, probabilmente lo scopriremo solo quando ci sarà un gameplay concreto da vedere.

Nuovo sistema di battaglia, animazioni e collisioni

Nei conflitti con gli altri giocatori e gli Aratai, Ark 2 è ora chiaramente orientato verso i giochi di Dark Souls. Il sistema di combattimento si concentrerà principalmente su schivare, bloccare, combinazioni di attacchi leggeri e pesanti, nonché sulla capacità di reazione del giocatore.

LEGGI ANCHE :  Le skin più belle per l'aquila del deserto

Anche la lotta contro i dinosauri dovrebbe essere molto più varia, perché non solo le loro animazioni sono più brutali, ma ora anche le animazioni corrispondenti sono basate sulla fisica.

Secondo gli sviluppatori, le animazioni di morsi e graffi ora non passeranno più attraverso i personaggi, ma in realtà si scontrano con loro, vengono deviate e causano feedback sui colpi e ferite nel punto esatto in cui colpiscono.

Tuttavia, questi non sono pensati per essere tagliati per il realismo e vogliono anche trattenere il sangue. Di conseguenza, probabilmente mirano a un rilascio dall’età di 16 anni.

(I combattimenti in Ark dovrebbero essere molto più dinamici.)
(I combattimenti in Ark dovrebbero essere molto più dinamici.)

Un sistema di abilità con un albero delle abilità adeguato

Anche nella prima parte, i giocatori potevano salire di livello, ma in seguito hanno distribuito solo pochi punti attributo e sbloccato nuove ricette di creazione. Ark 2, invece, mira a offrire un vero e proprio albero dei talenti da cui attingere gradualmente le tue abilità attive e passive.

L’introduzione di un tale sistema porta sempre con sé problemi di equilibrio. Solo il tempo dirà quanto saranno significativi i vantaggi di personaggi ampiamente aggiornati rispetto a quelli relativamente nuovi.

Dinosauri intelligenti

Grazie a un nuovo sistema di eventi mondiali, il mondo dovrebbe sentirsi infinitamente più vivo e dinamico. Ad esempio, i dinosauri dovrebbero interagire con il loro ambiente da soli e indipendentemente dalla presenza del giocatore. Questi eventi sono generati proceduralmente ea seconda della situazione.

Gli esempi forniti includono raduni regolari di dinosauri a pozze d’acqua, creature ferite e predatori che seguono le loro tracce, mandrie e panico delle mandrie e animali genitori che portano se stessi e i loro piccoli in salvo nelle caverne.

Inoltre, i giocatori dovrebbero essere in grado di guadagnare la fiducia di una creatura se la salvano da una situazione rischiosa. Questo dovrebbe quindi rendere più facile l’addomesticamento successivo. Anche gli altri eventi (facoltativi) hanno probabilmente un vantaggio ludico che si può trarre dalla situazione.

LEGGI ANCHE :  Il capo allenatore di CS:GO, sAw, estende il contratto con ENCE

Inoltre, i dinosauri ora usano tre dei loro sensi: vista, udito e olfatto. I giocatori possono evitarli direttamente mimetizzandosi, mascherando il loro odore e muovendosi il più silenziosamente possibile. Gli sviluppatori lo hanno annunciato in un tweet, tra le altre cose:

Supporto completo per le mod

Oltre a server più stabili, Wildcard promette un supporto completo per le mod che si estende ai server non ufficiali: sia su PC che su Xbox Gli utenti che creano mod possono caricarli sul cloud con il supporto della piattaforma (Mod.io) e condividerli così con la community mondiale di Ark.

Gli appassionati di hobby potranno cambiare praticamente ogni aspetto del gioco, inclusi dinosauri, modalità di gioco, mappe, armi, oggetti e meccaniche. Gli sviluppatori addirittura citano la reintroduzione della prospettiva in prima persona come esempio specifico di ciò che è probabile che i modder facciano prima con gli strumenti.

Quale motore utilizza il sequel?

I sopravvissuti potranno farsi strada attraverso paesaggi molto più belli grazie a Unreal Engine 5. Stiamo parlando di un’illuminazione realistica con cambiamenti giorno/notte, acqua dinamica e fisica delle particelle, grazie alla quale, ad esempio, le nuvole di fumo reagiscono alle interazioni fisiche , così come i sistemi meteorologici locali.

Quindi, invece di far piovere in tutto il mondo di gioco, solo i giocatori che sono effettivamente sotto la pioggia volumetrica e le nuvole temporalesche dovrebbero bagnarsi. Nel frattempo, l’ampia visuale dovrebbe beneficiare dello streaming di risorse più efficiente di Unreal Engine 5, che include strutture costruite dalla community dei giocatori.

Qual è stata la tua esperienza con Ark: Survival Evolved e non vedi l’ora che arrivi il seguito? Sentiti libero di scriverci le tue esperienze nei commenti!





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.