Cosa potrebbe significare VCT 2023 per i diritti dei giocatori di Valorant

Cosa potrebbe significare VCT 2023 per i diritti dei giocatori di Valorant


Il 28 aprile Riot Games ha annunciato i suoi piani per il Valorant Champions Tour 2023, che sta compiendo passi verso un sistema di campionati chiusi per le migliori squadre.

L’annuncio non è stato del tutto sorprendente di per sé. Riot ha avuto campionati in franchising nel suo altro grande esport, League of Legends, e molti hanno previsto un sistema simile per Valorant in arrivo.

Sebbene la reazione all’annuncio sia stata positiva, i veterani dell’industria degli eSport e i sostenitori dei giocatori vedono un’apertura per le organizzazioni e la stessa Riot per trarre vantaggio dai giocatori di Valorant.

“Dovrebbe esserci un grande conto, ora che abbiamo avuto anni di franchising, per il fatto che quando consolidi il potere e riduci la concorrenza in uno spazio, uno dei risultati è che quei gruppi hanno molta capacità di dettare termini se lo desiderano”, ha dichiarato in un’intervista a Dexerto Philip Aram, direttore esecutivo della North American League Championship Series Players Association.

Nei campionati di League of Legends in tutto il mondo, le squadre che hanno acquistato quei franchise hanno un immenso potere di stabilire termini per contratti e diritti dei giocatori a causa del sistema monopolistico istituito da Riot. I giocatori perdono gran parte del loro potere contrattuale individuale una volta che le squadre in franchising diventano l’unico gioco in città.

Lo stesso Aram ha visto come un sistema come questo può avere un impatto sui giocatori, soprattutto quando i giocatori non iniziano a organizzarsi per i propri diritti fin dall’inizio.

“Troppi giocatori in troppi eSport si sono seduti in silenzio per le prime tre o quattro cose che in qualche modo sono state scelte e decise sopra la loro testa e poi quando hanno sentito che era abbastanza, avevano già concesso così tanto terreno semplicemente tacendo sul fatto che non c’era molto per cui combattere”, ha detto Aram.

Lo stesso Valorant è ancora un esport giovane, con solo più di un anno di supporto completo per gli sviluppatori alle spalle. Quindi c’è tempo per i giocatori per darsi voce prima che un contratto standard o termini siano fissati al livello più alto.

L’esport può anche prendere appunti da ciò che lo ha preceduto. I giocatori provenienti da Counter-Strike hanno avuto il tempo di dare un’occhiata alla Counter-Strike Players Association e la NALCSPA è stata in prima linea nei diritti dei suoi giocatori in Nord America.

LEGGI ANCHE :  Shaggy e Rick si stanno scatenando nella prossima patch MultiVersus

Ci sono stati anche recenti scandali nell’ecosistema del franchise di League of Legends che i giocatori possono guardare, per vedere come potrebbe essere la vita in un franchise sotto Riot e qualunque organizzazione con cui collabori in Valorant.

In che modo il campionato influisce sui contratti dei giocatori

Sedie e microfoni alla conferenza stampa di Valorant Champions si sono allineati senza giocatori seduti al loro interno.
Lance Skundrich/Riot Games

I tornei Master internazionali sono ancora nel programma VCT 2023.

Non è chiaro come Riot cercherà di funzionare con gli attuali contratti dei giocatori. La maggior parte dei contratti prevede clausole sulla rinegoziazione in scenari relativi al cambio di formato del torneo o al franchising degli sviluppatori, che potrebbero entrare in gioco se la squadra di un giocatore è un’organizzazione partner nel 2023, secondo gli agenti di eSport con cui Dexerto ha parlato.

Riot può anche far annullare a ciascuna squadra i contratti in corso e negoziarne di nuovi.

Secondo Riot, i nuovi campionati VCT del 2023 porteranno gli stessi vantaggi che i giocatori di League of Legends hanno come “stipendi più elevati e sistemi di supporto più solidi”, secondo il suo comunicato stampa.

Ma oltre a ciò, l’annuncio non spiega molto sul fatto che stiano creando un sistema simile al NALCSPA come quando hanno annunciato il franchising in Nord America nel 2017.

L’annuncio, inoltre, non specifica se i giocatori avranno voce in capitolo nel definire i termini con Riot e le org su ciò che è standard nei loro contratti o quali diritti dovrebbero avere.

“Dovrebbero chiedere un posto a tavola.” disse Aram. “I proprietari di Riot e del team, che faranno domanda per questo programma partner e otterranno lo stato preferenziale se verranno accettati, saranno nelle stanze a parlare dell’aspetto di questo programma e verranno presentati ai termini di esso.

“I giocatori dovrebbero essere organizzati allo stesso modo, dicendo a Riot e dicendo alle squadre: ‘Ehi, stiamo lavorando come un collettivo. Vogliamo avere un rappresentante al tavolo per vedere questo, per esaminarlo e per dare un feedback su di esso,’ perché è quello che prima non c’era”.

Sentinelle che gareggiano sul palco del Masters Iceland
Colin Young-Wolff/Giochi antisommossa

Il numero di giocatori di alto profilo in VCT 2023 potrebbe essere limitato poiché vengono stabiliti i massimi campionati.

Questo non vuol dire che i contratti Valorant oggi non siano unilaterali o non abbiano clausole con cui agenti e giocatori si trovano a disagio.

Molti contratti attuali hanno standard per la percentuale di vendita della merce, la retribuzione, il licenziamento, gli orari di streaming, gli accordi di non divulgazione, le frazioni dei premi e così via.

Secondo Jérôme Coupez, agente e CEO di Prodigy Agency, solo perché Valorant sta seguendo la strada dello pseudo-franchising non significa che le organizzazioni spingeranno per contratti più a lato della squadra o ingiusti, almeno più di quanto già facciano.

LEGGI ANCHE :  Le cinque mappe della community CSGO che dovresti testare

Ma ciò non significa che giocatori e agenti non dovrebbero spingere per cose specifiche una volta che il 2023 si avvicina e i contratti potenzialmente devono essere rinegoziati.

“Con un ambiente più strutturato e alcune regole minime di Riot, penso che tutti i giocatori e gli agenti dovrebbero respingere clausole importanti e unilaterali come Risoluzione senza causa, Diritto di primo rifiuto, Diritto di scambio senza il consenso del giocatore ecc. ”, ha detto Coupez in una e-mail.

Ciò per cui le squadre potrebbero spingere

Il giocatore di ZETA DIVISION guarda in uno specchio rotto
Lance Skundrich/Riot Games

I giocatori di tutto il mondo saranno coinvolti nei tre campionati internazionali di Riot.

In che cosa potrebbe essere offerto il nonno, in termini di termini contrattuali o clausole specifiche, in Valorant al momento non è chiaro poiché Riot si sta avvicinando solo ora alle squadre per collaborare nei loro nuovi campionati.

Ciò che è standard per alcuni contratti al momento, che potrebbero continuare nel 2023, sono elementi come i bonus di buona condotta. Secondo due agenti con cui ha parlato Dexerto, si tratta di clausole che danno ai giocatori un bonus monetario sul loro stipendio mensile se sono stati, ciò che l’org ritiene essere, una buona condotta.

Questi bonus non sono onnipresenti in tutto l’esport e non è un bonus nel senso tradizionale in quanto questo è un requisito per ottenere il loro intero stipendio e non una retribuzione extra.

“Capisco il principio alla base del motivo per cui lo stanno facendo, ma è un po’ falso se ha senso”, ha detto Gavin Stiles, direttore delle operazioni di Talent e agente di Carter Pulse.

“Deve essere messo più bene lì dentro. Non so nemmeno se ha davvero bisogno di essere lì in generale. Se non ti piace il modo in cui un giocatore sta comunicando o altro, tiralo fuori e comunicalo con loro”.

Ci sono anche altri punti di negoziazione per i quali le organizzazioni hanno cercato di spingere, come quello su cui Coupez ha detto che gli agenti dovrebbero respingere, insieme alla lunghezza degli accordi di non divulgazione, del trattamento di fine rapporto e delle ore di streaming.

Un’organizzazione ha persino cercato di far firmare ai giocatori un contratto in cui si diceva che se la direzione o lo staff della squadra avessero scoperto che i giocatori stavano bevendo o fumando, sarebbero stati multati, secondo Stiles.

“È piuttosto esilarante,” Stiles disse. “Ovviamente, è stato rimosso all’istante e davvero stupido.”

I team hanno anche cercato di sfruttare gli annunci a sorpresa di Riot secondo cui organizzazioni e giocatori non sono a conoscenza del pacchetto skin Valorant Champions 2021, che ha visto metà delle sue vendite in-game andare alle squadre che hanno vinto il campionato Valorant di fine anno.

LEGGI ANCHE :  Gli eroi PUB più scelti questa settimana: usali per vincere

Le divisioni monetarie per questi tra giocatori e organizzazioni variavano, con alcuni che secondo quanto riferito non ne ricevevano.

Senza preavviso di questo nuovo montepremi, nessun contratto aveva clausole che menzionassero specificamente questo, così tanti hanno dovuto negoziare come sarebbe stato diviso dopo l’annuncio, meno di un mese prima dell’inizio del torneo.

Non c’è tempo per organizzare come il presente

Tutti e cinque i giocatori di Sentinels si sono rannicchiati insieme al trofeo Masters Iceland tenuto dal giocatore di mezzo
Colin Young-Wolff/Giochi antisommossa

La creazione di un’associazione di giocatori richiederà il lavoro dei giocatori negli Stati Uniti e potenzialmente oltre.

Mentre gli eSport sono un’area relativamente nuova in termini di precedenti lavorativi ed età, anche se si tiene conto del gioco competitivo che risale alla fine degli anni ’90, ci sono campionati sportivi contemporanei a cui i giocatori devono cercare ispirazione per organizzare.

L’America ha una storia di lotta contro i sindacati e gli organizzatori del lavoro fin dal 1800 e recente come oggi. Per esempi moderni, i giocatori possono guardare alla National Hockey League e alla formazione della NHL Players Association.

“Quindi, di solito, i sindacati dei giocatori vengono organizzati quando sentono che, collettivamente, i loro diritti non vengono protetti”, Ryan Fairchild, consulente di Odin Law ad Media e membro del consiglio di NALCSPA. “E quindi i giocatori potrebbero farlo ora se ritengono che sia già così e potrebbe essere una cosa preventiva”.

Ma secondo Fairchild, i giocatori non hanno bisogno di aspettare che il franchising o altri sistemi di sviluppo arrivino per organizzarsi in qualche modo. Se credono di competere in un eSport di alto livello, dovrebbero iniziare a proteggere i loro diritti ora.

Coupez equipara i contratti Valorant in questo momento ai contratti Counter-Strike in termini di trarre vantaggio dai giocatori, il che fa sembrare le mosse preventive una buona opzione.

“Ci sono molti contratti molto (molto) unilaterali in questo momento e spero che Riot lo regolerà per evitarlo nel 2023”. Egli ha detto.

In definitiva, secondo Fairchild, squadre e giocatori dovrebbero lavorare insieme per aumentare il ribasso delle entrate dallo sviluppatore alla lega. Mentre squadre e giocatori negoziano lo stipendio, il montepremi e la vendita di skin in-game, Riot è quella che dice loro per quanto litigheranno.

“Lasciatemi essere chiaro, i giocatori stanno cercando di catturare valore e le squadre stanno cercando di catturare valore. Il problema è [players and teams] cercando di catturare valore da una piccola fetta della torta. Che viene tagliato dagli editori”, ha detto Fairchild.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.