Dietro il CSGO di gob b torna ad allenare BIG: “Sentivo che la squadra aveva bisogno di me più che mai”

Dietro il CSGO di gob b torna ad allenare BIG: “Sentivo che la squadra aveva bisogno di me più che mai”


In un’intervista esclusiva con Dexerto, la leggenda tedesca di Counter-Strike Fatih ‘gob b’ Dayik parla del suo ritorno al CS:GO per allenare BIG e la decisione di lasciare Valorant alle spalle.

gob b era esausto per la competizione, ma non era pronto ad allontanarsi da Valorant. Non ancora. Non fino a quando la squadra che aveva contribuito a costruire nell’estate del 2020, estendendo la sua carriera da giocatore a un altro gioco dopo aver raggiunto la vetta in CS 1.6 e CS:GO, aveva una solida base.

Nell’autunno del 2021, quando l’organizzazione BIG ha valutato le sue opzioni dopo che l’allenatore di CS:GO Dustin “DuDe” Großmann si è dimesso dal ruolo per motivi personali, si è rivolto a gob b per assistenza. Tuttavia, per quanto lo addolorasse, non poteva accettare il lavoro. Non aveva ancora finito con il team Valorant.

GRANDE

gob b ha giocato per il team Valorant di BIG per quasi due anni, guidandolo ai Challengers VCT EMEA

Ma quando ha guidato BIG al VCT EMEA Challengers, il livello più alto di Valorant in Europa, sapeva che, se fosse tornato a CS:GO, avrebbe lasciato la squadra in una buona posizione.

I giocatori hanno capito il suo ragionamento, anche se l’atmosfera era cupa. Inizialmente, aveva programmato di gareggiare per un’altra stagione, ma dopo alcune considerazioni sapeva che andare avanti era la decisione giusta. Darebbe al team Valorant abbastanza tempo per ricostruirsi prima della fase 2 del VCT, consentendogli di venire in soccorso del team CS:GO dirigendosi verso il PGL Major Antwerp, un torneo che definisce la stagione.

“Sentivo che il team CS aveva bisogno di me più che mai”, dice a Dexerto. “Ho anche sentito che tabseN aveva bisogno di una connessione più profonda con l’allenatore rispetto a prima. I due dovevano essere più sincronizzati.

“[Going back to CS] era solo questione di tempo, e questo è sembrato un buon momento perché il team CS aveva bisogno di me e il team Valorant poteva iniziare un nuovo capitolo”.

Illuminare l’umore

gob b è affettuosamente conosciuto come il “padrino del Counter-Strike tedesco” per il suo ruolo in alcune delle squadre di maggior successo del suo paese tra il 2006 e il 2019. Ancora oggi è venerato come una delle menti tattiche più astute nella storia di il franchising. Sarebbe difficile trovare qualcuno negli eSport che non parli bene di lui.

Non sorprende, quindi, che l’annuncio del suo ritorno in squadra come allenatore sia stato accolto con gioia ed entusiasmo dai tifosi di BIG e dalla scena CS:GO in generale. Dopo aver raggiunto il numero 1 nella classifica mondiale di HLTV nell’estate del 2020, la squadra tedesca ha attraversato un lungo crollo ed è caduta fuori dalla top 10, scendendo al 19° posto all’inizio di aprile, poche settimane prima dell’evento di qualificazione Major a Bucarest.

Le aspettative su BIG erano modeste in vista dell’RMR, con molti che dubitavano della loro capacità di finire tra i primi otto in un torneo accatastato in cui erano solo la nona squadra con la classifica più alta presente. Ma hanno smentito tutti andando 3-0 nel torneo e prenotando un posto Leggenda in modo dominante, con una media di 8,5 round persi per mappa mentre hanno superato SAW e Outsiders nelle partite al meglio prima di battere FaZe n. una serie 2-0.

LEGGI ANCHE :  La 4 volte Valorant Champ Annie si dimette da Cloud9 White

“Penso che la motivazione fosse la cosa più importante”, dice gob b sui problemi del team. “Sono stato a Berlino negli ultimi mesi e ho avuto un profondo legame con la squadra.

“Ho potuto vedere che il loro lavoro era molto buono, che avevano buone idee sul gioco. Gli mancava solo un po’ di leadership e di fiducia in qualcosa di più grande”.

I fan sono rimasti sorpresi nel vedere gob b con la squadra all’RMR poiché non aveva dato alcuna indicazione che si stesse allontanando da Valorant. È stato cauto nelle interviste: un “forse” è stato tutto ciò che ha lasciato quando gli è stato chiesto se avrebbe partecipato al Major con la squadra.

La ripresa della forma e dei risultati è stata improvvisa, ma gob b non vuole sopravvalutare il suo impatto. Non è stato molto coinvolto nei preparativi pre-evento, ma ha avuto numerose interazioni con i giocatori prima e durante il torneo per sfruttare una caratteristica speciale che ha: la capacità di analizzare gli errori e il ragionamento dietro di essi.

“Per me, è facile capire perché qualcuno sta commettendo un errore e posso aiutarlo a risolverlo”, spiega. “Per me, si trattava di spirito di squadra e motivazione, e ho cercato di fornire questo.

“Mentre il torneo era in corso, la sala prove ci ha aiutato molto. Ho avuto incontri individuali, colloqui preparatori, ho aiutato tabseN a completare i piani di gioco… [Coach] enkay J e [analyst] anche jansen ha aiutato. È stato un grande traguardo da parte di tutti noi.

“Non ero troppo coinvolto prima del torneo, ma mentre si svolgeva ho avuto un grande impatto sui giocatori, credo. Ho mostrato loro che capivo cosa stavano passando e ho parlato con loro dei problemi che avevano e di come risolverli. Ho solo fornito motivazione e buon umore in modo che, da giocatore, tu pensi: ‘Accidenti, voglio giocare oggi’”.

Ottenere quel vantaggio in più

Uno degli aspetti più interessanti della nomina di gob b come capo allenatore è la sua riunione con Johannes ‘tabseN’ Wodarz, il leader del gioco di BIG. tabseN ha assorbito la conoscenza di gob b durante gli anni trascorsi insieme in più elenchi, per poi assumere il ruolo del suo amico nel 2019.

Scala delle Stelle

Dopo tre anni di distanza, tabseN e gob si sono riuniti

L’onere della leadership a volte ha gravato pesantemente su tabseN, quindi i fan sperano che, come allenatore, gob b sarà in grado di tirare fuori il meglio di tabseN come ha fatto quando hanno gareggiato insieme.

“Potrei sembrare un po’ arrogante per averlo detto, ma sento di poter aiutare tutti i giocatori del mondo mostrando il percorso per raggiungere la loro forma migliore”, dice gob b. Ho maturato tanta esperienza e ho lavorato con tanti giocatori [over the years]. Sento anche che il mio tempo in Valorant mi ha aiutato a crescere come persona.

LEGGI ANCHE :  Overwatch 2: Trailer introduce la nuova campionessa Junker Queen

“È divertente perché ho detto a tabseN, ‘Forse ti aiuterebbe a giocare a KovaaK’s [an aim traimer] perché ti aiuterà ad avere un migliore controllo del mouse’. Se hai visto l’ultimo colpo che ha avuto contro Twistzz, che ci ha qualificato, stava muovendo il mouse molto velocemente sul pad. Credo che sia venuto dalla pratica su KovaaK.

“Questo mi ha mostrato che anche un giocatore come tabseN, che è di livello mondiale, può trarre vantaggio da qualcosa che qualcuno al di fuori del gioco gli dice. Ha solo bisogno di credere a quello che sta dicendo quella persona e metterlo alla prova”.

Un altro giocatore che sembra aver beneficiato della guida di gob b è il debuttante Karim ‘Krimbo’ Moussa, promosso da BIG dalla squadra dell’accademia a marzo. È stato il miglior giocatore della squadra a Bucarest, con una media di 1,35, il terzo più alto in assoluto, solo dietro Aleksandr ‘s1mple’ Kostyliev (1,40) di NAVI e Martin ‘stavn’ Lund (1,37) di Heroic.

Al termine del torneo, tabseN ha salutato Krimbo come il “miglior talento” che la Germania ha prodotto negli ultimi anni. Tali commenti non sono stati una sorpresa per gob b, che già conosceva Krimbo dal suo breve periodo come allenatore della BIG Academy all’inizio del 2020.

“Sono stato coinvolto nella decisione di portarlo nella squadra principale”, dice gob b. “Forse sarebbe stato meglio dargli qualche mese in più nel circuito dell’accademia, ma a volte bisogna buttarsi nell’acqua fredda.

“Sapevo che, anche se probabilmente non era ancora pronto al 100%, avrebbe dato tutto ciò che era in suo potere. Ha una buona mente per il gioco per qualcuno della sua età. Sapevo che, una volta che avesse avuto questa esperienza di CS di primo e secondo livello, sarebbe potuto diventare uno dei migliori”.

gob b indica l’abilità di Krimbo a Bucarest come esempio dei miglioramenti che sono stati fatti nel breve lasso di tempo in cui è stato con la squadra.

Prima del torneo, gob b ha suggerito che Krimbo dovrebbe cambiare il modo in cui gioca gli scenari di frizione. E poi a Bucarest, ha guidato l’RMR per frizioni con sette, uno in più del suo corteggiatore più vicino, Dzhami “Jame” Ali, la cui squadra ha giocato il doppio delle mappe di BIG.

“È sicuramente il più grande talento della scena tedesca”, dice gob b. “E io sono qui per mostrare cosa deve fare per avere il giusto stato d’animo.”

Grandi ambizioni

L’eccitazione che circonda questa nuova versione di BIG sta crescendo, ma gob b non vuole che nessuno si lasci trasportare dalla corsa RMR. Per lui, è fondamentale analizzare cosa ha fatto bene la squadra a Bucarest e perché è stato un miglioramento rispetto a quello che aveva fatto prima.

João Ferreira per PGL

Essendo una delle otto squadre leggendarie, BIG salterà la fase Challengers del Major

LEGGI ANCHE :  Codice di errore Fortnite 30005: come risolverlo

BIG avrà il lusso di saltare la prima tappa del Major, dando alla squadra giorni in più per prepararsi e alleviare parte dello stress.

Tre vittorie e sono passati ai playoff, e se c’è qualcuno che i giocatori vorrebbero avere dalla loro parte per questa corsa, è gob b, che scherzosamente si definisce il “re dei migliori di quelli”, in un riferimento ai playoff di BIG al PGL Major Kraków 2017 dopo aver vinto tre partite al meglio di una. (Dall’IEM Katowice 2019 Major, le squadre devono vincere almeno una al meglio delle tre per qualificarsi ai playoff)

“Ho ancora una buona sensazione per il tipo di piano di gioco che è buono contro alcune squadre”, dice.

“Non importa con chi giochiamo, sarà molto difficile battere qualcuno. Non ci sono avversari facili nella fase Leggende, questo è certo. Ogni partita sarà un bagno di sangue, ma devo dire che ho provato lo stesso per il nostro torneo RMR, che ritenevo fosse il più forte dei due, con matchup molto più interessanti.

gob b non vuole ancora fissare obiettivi per il Major, dicendo che “tutto può succedere” in un torneo come questo. Tra una settimana o giù di lì, aggiunge, avrà un’idea migliore di dove si trova la sua squadra.

“Sono un ragazzo molto positivo, sai?” lui dice. “Ho aspettative e sogni davvero alti. Quindi ovviamente mi piacerebbe vincere a [Major] trofeo e forse anche iniziare un’era.

“Ma so anche cosa deve essere fatto e il duro lavoro richiesto”.

gob b non sa esattamente come rispondere quando gli viene chiesto se si considera ritirato come giocatore. Non fa mistero della sua ambizione di essere “il miglior allenatore in circolazione”, ma sta ancora lavorando per mantenere i riflessi acuti. Sa che c’è sempre la possibilità che dovrà sostituire un giocatore in caso di malattia o infortunio.

Ma in fondo, questo non è l’unico motivo. Continua a mostrare la stessa ardente passione per la competizione che aveva quando iniziò la sua carriera a metà degli anni 2000, quando alcune delle stelle nascenti di oggi non erano nemmeno nate. Questo è in gran parte il motivo per cui, all’età di 34 anni, è stato ancora in grado di stare in compagnia dei migliori giocatori europei di Valorant e perché non è stato espulso dal gioco, ma l’ha lasciato alle sue condizioni.

“Ho una teoria secondo cui l’età è solo un numero, che dipende solo da quanto lo vuoi”, dice. “Potevo vedere che ero più dedicato di altri giocatori.

“Capisco che, invecchiando, devo giocare più di prima. Questa è l’unica cosa che è cambiata. Sono felice di aver dimostrato a me stesso che questa teoria è vera”.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.