Faker: il ping elevato su MSI ha influito sulle prestazioni di T1, ma non importa finché i fan hanno la migliore esperienza

Faker: il ping elevato su MSI ha influito sulle prestazioni di T1, ma non importa finché i fan hanno la migliore esperienza


La prima fase del League of Legends Si è appena concluso il Mid-Seasonal Invitational 2022, ma non senza problemi. Una discrepanza nella latenza nella sede ha colpito le squadre che giocavano da Busan, come confermato da Riot Games, e nemmeno Faker, star del T1 in corsia centrale, ne è stato esentato. Ma secondo lui, i problemi non contano così tanto, a condizione che i fan di tutto il mondo abbiano un buon spettacolo da guardare.

“[Higher ping] ha avuto un impatto sul nostro gioco, ma ha comunque un impatto sulle nostre prestazioni”, ha detto Faker a Dot Esports in un’intervista. Il centrocampista ha ritenuto che T1 avesse giocato con una latenza maggiore del solito negli ultimi giorni della competizione e crede che la squadra possa giocare “in modo diverso” con un ping rate inferiore a 10.

Secondo la corsia centrale, tuttavia, il ping non avrà importanza “troppo” alla fine, purché la latenza non influisca su ciò che vedono gli spettatori. Per lui, la cosa più importante è che tutti giochino nelle stesse condizioni in modo che possano competere in modo equo e fornire la “migliore esperienza per i fan”.

LEGGI ANCHE :  I professionisti di sesso maschile sperimentano la misoginia in VALORANT dopo aver camuffato le voci durante la campagna contro il sessismo nei giochi

Le conseguenze dei problemi di latenza sono state più dure per i rappresentanti della LPL Royal Never Give Up, che giocano dalla Cina, che per le squadre con sede a Busan. A causa del ping eccezionalmente alto sperimentato dalle squadre del Gruppo A, Riot ha fatto ripetere a RNG i primi tre giorni della competizione e Faker si è sentito “così dispiaciuto” per la squadra cinese a causa della decisione di Riot.

“Credo [the process] è successo perché Riot Games non è stata in grado di gestire in anticipo quel ping e quel problema dell’organizzazione e questo è stato il tipo di conseguenza”, ha detto il giocatore di corsia centrale. Faker spera in “pari circostanze” tra le squadre che vanno avanti con la competizione in modo che i partecipanti possano avere un “uguale” cinque contro cinque.

LEGGI ANCHE :  OpTic ha rimbalzato alla grande con la vittoria dominante del CDL sui Mutineers

I problemi di latenza non sono l’unico ostacolo che le squadre hanno dovuto affrontare durante l’MSI 2022. La modifica del formato ha portato a partite unilaterali e programmi giornalieri più lunghi per tutte le persone coinvolte, che hanno avuto un impatto anche sul roster coreano imbattuto. Nonostante il T1 abbia terminato i propri gironi senza perdere una partita, hanno comunque dovuto giocare più partite rispetto agli anni precedenti, il che ha messo “un po’ di pressione” anche sul leggendario centrocampista coreano.

I precedenti formati MSI erano “molto più complessi” di quelli di quest’anno, secondo Faker. I formati precedenti davano ai partecipanti la possibilità di “spostarsi” dopo un breve ma intenso periodo di partite. Nonostante la tensione aggiuntiva, tuttavia, il giocatore di fascia centrale ha considerato i sentimenti dei fan quando ha parlato di MSI 2022. Gli spettatori hanno più giochi da godersi grazie al formato di quest’anno, secondo Faker, che vede come un vantaggio.

LEGGI ANCHE :  La patch 5.12 potrebbe sconvolgere totalmente il meta di VALORANT se la Camera trapelata, i cambiamenti puffosi diventassero realtà

Indipendentemente dai vari ostacoli sul percorso di T1 e RNG, entrambe le squadre sono arrivate indenni alla fase del rombo, chiudendo i loro gironi con un punteggio perfetto di 6-0. Anche G2 Esports ha concluso i propri gruppi imbattuti e non vede l’ora di ripetere la vittoria del 2019 contro il T1 più avanti nel torneo. Faker ha promesso giochi “divertenti” contro RNG e G2, ma i fan dovranno aspettare fino a dopo venerdì 20 maggio per vedere l’Unkillable Demon King affrontare i rappresentanti di LPL e LEC all’MSI 2022.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *