I documenti rivelano che lo studio legale ha “supervisionato” il caso di TSM Reginald che ha difeso la società in un altro caso contemporaneamente

I documenti rivelano che lo studio legale ha “supervisionato” il caso di TSM Reginald che ha difeso la società in un altro caso contemporaneamente


Lo stesso studio legale che è stato utilizzato per “consultare e supervisionare” le recenti indagini sul co-proprietario di TSM Andy “Reginald” Dinh ha contribuito contemporaneamente a difendere TSM in un caso diverso, secondo The Jacob Wolf Report.

I documenti ottenuti da Jacob Wolf dettagliavano che mentre l’avvocato Matthew Marca e il suo studio, Gutierrez Marca, stavano aiutando a coordinare le indagini su Reginald, l’azienda stava anche attivamente difendendo la società madre di TSM, Swift, in un caso in cui si affermava che la società aveva risolto ingiustamente il contratto dell’ex Il responsabile marketing di Blitz John Nguyen. Parlando con Wolf, un portavoce di Marca ha spiegato che il suo lavoro in questo caso non ha avuto alcun impatto sulle indagini in corso su Reginald.

LEGGI ANCHE :  Auguri di buone feste: Valve rilascia l'aggiornamento invernale di Dota Plus con il nuovo tesoro stagionale

La causa di Nguyen derivava dal presunto uso di marijuana sul posto di lavoro da parte del direttore marketing di Blitz Nick Ward. Nguyen ha affermato di aver provato un’ansia eccessiva a causa del presunto uso di droghe da parte di Ward e ha presentato una denuncia a Blitz HR. La denuncia descrive in dettaglio che dopo che Nguyen si è rivolto alla responsabile delle risorse umane Anna Kim per denunciare Ward, gli è stato detto “una settimana dopo” di essere stato licenziato dall’azienda per accuse di molestie sessuali. Secondo l’avvocato di Nguyen, non era mai stato interrogato da nessuno a Blitz in merito a tali azioni e che non erano mai stati presi provvedimenti per aderire ai diritti di Nguyen ai sensi del Fair Employment and Housing Act della California.

LEGGI ANCHE :  La patch 5.12 potrebbe sconvolgere totalmente il meta di VALORANT se la Camera trapelata, i cambiamenti puffosi diventassero realtà

Marca, che in questo caso ha difeso Swift, ha spiegato nella sua risposta che l’azienda “non ha discriminato né ritorse contro [Nguyen]ma piuttosto ha agito in modo lecito e per motivi commerciali legittimi”.

Marca ha guidato la sua difesa di TSM in questo caso mentre è contemporaneamente coinvolto nell’indagine su ampie denunce riguardanti Reginald. Ha aiutato a compilare un rapporto pubblicato sull’account Twitter di Reginald dove è scritto che “l’investigatore non ha riscontrato alcun comportamento illecito da parte della società, dei suoi dirigenti, o da [Reginald] personalmente.”

In questo rapporto, Marca ha affermato che il ruolo del suo studio legale era quello di “consultare e supervisionare” le indagini su Reginald. Un portavoce di Gutierrez Marca in seguito ha detto a Wolf che né Marca né il suo studio legale hanno fornito la “supervisione” per le indagini, ma che hanno aiutato specificamente a coordinare le comunicazioni tra Swift, il suo dipartimento delle risorse umane, la società indipendente che conduce le indagini e, infine, Riot dopo l’indagine. era completo.

LEGGI ANCHE :  Lo sviluppatore di Hearthstone chiarisce quali carte March of the Lich King possono apparire come bonus pre-ordine





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *