Il nuovo rapporto alimenta la causa per i diritti del lavoro degli appaltatori contro Nintendo of America

Il nuovo rapporto alimenta la causa per i diritti del lavoro degli appaltatori contro Nintendo of America


Nintendo of America sta affrontando rivendicazioni legali presentate da un ex appaltatore presso il National Labor Relations Board (NLRB) per presunta violazione dei diritti dei lavoratori in relazione alla sindacalizzazione. E nonostante la società abbia rilasciato una dichiarazione in cui affermava di non essere a conoscenza di tentativi di sindacato, un nuovo rapporto ha molti altri ex dipendenti che affermano il contrario.

In un rapporto di Kotaku, fonti affermano che il dipendente part-time che Nintendo ha affermato di essere stato licenziato per “la divulgazione di informazioni riservate e per nessun altro motivo” è stato effettivamente risolto a metà contratto dopo aver parlato dei sindacati in una riunione d’affari del dipartimento di febbraio.

Secondo tali fonti, il dipendente anonimo ha chiesto un commento generale in merito alla sindacalizzazione durante la sezione di domande e risposte al termine dell’incontro. Lo stesso dipendente è stato poi licenziato poco dopo per “aver violato la loro NDA in un commento sui social media”.

LEGGI ANCHE :  Caramell cerca ispirazione da Summit: "È una specie di modello di come vorrei essere in termini di meccanica"

Quelle stesse fonti non pensano che sia tutta la storia, poiché notano che il post sui social media che avrebbe infranto un NDA di Nintendo era “estremamente vago” e normalmente costituirebbe un avvertimento basato su precedenti azioni disciplinari. Ciò li porta a dire che la risoluzione del contratto è stata fatta come rappresaglia per quei commenti sulla sindacalizzazione.

Relazionato: più affermazioni scartate durante la causa per discriminazione di genere su PlayStation

Kotaku ha ricevuto dichiarazioni da 10 dipendenti attuali ed ex che hanno lavorato presso la sede di NoA a Redmond, Washington, con il sentimento comune che l’azienda tratta gli appaltatori come “lavoratori di seconda classe”.

Sulla base dei resoconti di questi dipendenti, NoA opera su un sistema a due livelli per i dipendenti temporanei che li hanno rescissi con contratti di 11 mesi tramite un’agenzia esterna, come quella menzionata nella causa legale, l’Aston Carter. Ciò presumibilmente include una pausa obbligatoria di due mesi tra i concerti con Nintendo che può durare più a lungo, durante la quale quei lavoratori possono richiedere la disoccupazione ma non hanno accesso alle prestazioni sanitarie.

LEGGI ANCHE :  Revenge tour completato: Acend vince la finale della serie EU HCS Pro Series della divisione

I tester del controllo qualità guadagnano anche solo $ 16 l’ora e, secondo quanto riferito, ci sono opportunità estremamente limitate per raggiungere posizioni a tempo pieno o persino ricevere riconoscimenti quando lavorano in un ruolo a contratto. Molti di questi dipendenti lo considerano addirittura una NoA che utilizza un “esercito di lavoratori a contratto” in più dipartimenti senza fornire vantaggi, anche se alcuni di questi appaltatori lavorano con responsabilità a tempo pieno.

“Vogliono controllarti come se fossi a tempo pieno, ma non trattarti come un lavoratore a tempo pieno”, ha detto a Kotaku l’ex tester del prodotto NoA a contratto Jelena Džamonja.

I lavoratori a contratto hanno affermato che dovrebbero esibirsi allo stesso livello dei loro colleghi a tempo pieno “distintivo rosso”, presumibilmente includendo il lavoro straordinario necessario per determinati progetti, con conseguente crisi di diversi prodotti. Nonostante ciò, affermano che il loro uso di varie strutture di Nintendo of America è fortemente limitato e ci sono pochissimi vantaggi al di fuori del “privilegio di lavorare per Nintendo”.

LEGGI ANCHE :  Il Team Liquid dà il via alla corsa estiva di LCS con la storica partita perfetta su Immortals

Sebbene la risoluzione anticipata sia presumibilmente rara, molti appaltatori sarebbero stati messi da parte o in riunioni con la loro società di personale esterna per essere rimproverati per aver parlato o non aver utilizzato i canali appropriati.

Il rapporto completo di Kotaku include una serie di altri rapporti e dettagli su come sarebbero trattati gli appaltatori presso Nintendo of America. Inoltre, diversi giornalisti, tra cui Stephen Totilo di Axios, hanno riferito che un certo numero di altri dipendenti stanno continuando a contattare nella speranza di condividere le proprie storie per rapporti futuri.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.