Il roster di Virtus.pro Dota è stato squalificato dopo che il giocatore ha utilizzato il simbolo russo a favore della guerra

Il roster di Virtus.pro Dota è stato squalificato dopo che il giocatore ha utilizzato il simbolo russo a favore della guerra


Beyond the Summit ha squalificato il roster Virtus.pro Dota, che gareggiava sotto il nome di Outsiders, dopo che Ivan “Pure” Moskalenko avrebbe disegnato un simbolo russo a favore della guerra, Z, sulla sua mini mappa durante una pausa.

Outsiders, il roster Virtus.pro Dota che gareggia indipendentemente dall’org in seguito all’invasione russa dell’Ucraina, è stato squalificato dai playoff dell’Europa orientale del circuito Dota Pro dopo che uno dei loro giocatori avrebbe disegnato un simbolo russo a favore della guerra durante la partita contro Mind Games .

“Outsiders è squalificato dai playoff regionali del DPC EEU Tour 2. Mind Games riceverà una vittoria per forfait retroattiva per la loro partita all’inizio di oggi. Anche tutte le partite future che gli Outsiders avrebbero giocato sono perse “, ha affermato l’account BTS Dota Twitter.

LEGGI ANCHE :  Qualificazioni CDL 2023 Major 1

Il momento è stato evidenziato da diversi utenti di Twitter e ha spinto Virtus.pro a rilasciare un video prima del ban con il giocatore che lo ha disegnato, Pure, spiegando l’accaduto.

“C’è stata una lunga pausa nel gioco. I ragazzi ed io stavamo parlando e disegnando sulla mini mappa. Quando ci siamo resi conto di cosa fosse esattamente il mio disegno, abbiamo cercato di nasconderlo. Non volevo offendere nessuno, è successo tutto per caso. Pace a tutti”, ha detto Pure nel video.

Nei video dell’incidente, si può vedere Pure disegnare il simbolo e poi disegnarci sopra rapidamente.

A causa della squalifica, Outsiders salterà l’ESL One Stockholm 2022 Major, il primo Major della stagione per l’esport.

LEGGI ANCHE :  Battle Pass 2022 - Le missioni settimanali più semplici per la settimana 14

La formazione Vistus.pro Dota gareggiava sotto il nome di Outsiders per continuare a competere nel circuito Dota Pro a causa degli organizzatori di tornei e degli sviluppatori di eSport che tenevano le organizzazioni sostenute dallo stato russo fuori dalle loro competizioni.

Gambit Esports ha dovuto fare la stessa cosa in Valorant e Counter-Strike, prima che il team si trasferisse su Cloud9, con i suoi roster.

Questa non è la prima volta che l’organizzazione russa è in acqua calda, poiché è stata anche squalificata dalla ESL Pro League nel marzo 2022.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *