Magnus Carlsen difenderà il titolo mondiale nel 2023?

Magnus Carlsen difenderà il titolo mondiale nel 2023?


Il prodigio norvegese degli scacchi è seduto sul trono dal 2012 ed è ampiamente considerato uno dei, se non il miglior giocatore di tutti i tempi. Dopo aver trionfato in cinque partite consecutive di campionato del mondo e cercando di affrontare un potenziale sfidante della sua generazione che è quasi schiacciato, ha dichiarato pubblicamente che è improbabile che si sottometta a un’altra partita estenuante. Se seguirà questa promessa di minaccia-slash è la più grande trama degli scacchi in questo momento.

Magnus Carlsen e il titolo mondiale di scacchi

Le discussioni sulla “CAPA degli scacchi” ruotano regolarmente attorno a Carlsen e Garry Kasparov, con Bobby Fischer che viene menzionato occasionalmente. Sebbene il norvegese non riesca ancora a eguagliare la straordinaria longevità di alcune delle sue controparti storiche, i risultati e i record che ha pubblicato nel corso degli anni sono a dir poco incredibili.

Una serie di 125 vittorie consecutive senza sconfitte, il punteggio ELO più alto di sempre (2882 ufficialmente, 2889 “non ufficialmente” a metà maggio 2014), record schiaccianti contro altri super-GM e il livello generale di gioco mostra che, sulla base di metriche oggettive, è stato per molto tempo il miglior giocatore di scacchi del mondo.

In effetti, è stato il giocatore con il punteggio più alto al mondo per dieci anni di fila e sta puntando alla barriera senza precedenti di 2900: solo dodici giocatori hanno raggiunto 2800 nella storia degli scacchi e nessuno si è nemmeno avvicinato a questo picco successivo, a parte Lo stesso Magnus, ovviamente.

Se dovesse raggiungere quell’obiettivo (che richiederebbe un’incredibile accuratezza e precisione, anche da parte sua, considerando come una vittoria in un torneo dominante alla Tata Steel Chess contro alcuni dei migliori giocatori del mondo con un punteggio di 9,5/13 gli abbia procurato 3,1 ELO e un singolo pareggio contro un Master Internazionale gli è costato 4,1), sarebbe ancora più difficile argomentare contro di lui come il miglior giocatore di scacchi di tutti i tempi su basi oggettive. C’è ancora un lato soggettivo delle cose, però, e ha solo a che fare con la longevità del suo dominio.

Tutto questo potrebbe essere sventato come inutile foraggio per i fan, se non fosse per il fatto scioccante che Magnus potrebbe non decidere di difendere il suo titolo mondiale contro il suo prossimo sfidante nel 2023.

LEGGI ANCHE :  Non sta succedendo nulla: i server Fortnite si chiudono prima del Capitolo 4

Finora le partite del campionato del mondo di Magnus Carlsen

2013: sfida per la corona

Carlsen è emerso come il vincitore di misura del Torneo dei candidati 2013, guadagnandosi il diritto di sfidare Viswanathan Anand, un cinque volte campione del mondo a pieno titolo. Nonostante la partita si sia svolta in casa di Anand in India, Carlsen ha segnato vittorie consecutive nelle partite 5 e 6 per assicurarsi un vantaggio inattaccabile, vincendo il titolo in appena dieci delle dodici partite in programma.

2014: una rivincita

In quanto perdente della precedente partita del campionato del mondo, Anand è stato automaticamente invitato al prossimo torneo dei candidati. Ha sfidato le aspettative superando il campo all’età di 44 anni nonostante avesse tre avversari più quotati con cui lottare. Sebbene la rivincita sia stata un affare molto più vicino, Carlsen ha comunque mantenuto il suo titolo in sole undici partite con un punteggio di 6,5-4,5.

2016: una bella macinata

Sergey Karjakin, ora paria nella comunità scacchistica grazie al suo sostegno vocale alla guerra in Ucraina, è emerso come il prossimo sfidante di Carlsen. Il suo stile difensivo e l’approccio conservativo gli sono serviti bene e la sua vittoria in gara 8 dopo sette pareggi ha chiaramente destabilizzato il campione del mondo. Tuttavia, Carlsen ha reagito in gara 10 e ha guidato la serie ai tie-break rapidi, dove ha vinto 3-1, difendendo nuovamente il suo titolo.

2018: il più stretto dei margini

La partita di Carlsen contro Fabiano Caruana ha segnato la prima volta nella storia del campionato mondiale di scacchi in cui tutte le classiche partite di controllo del tempo si sono concluse con un pareggio. Questo non vuol dire che sia stata una faccenda noiosa: le partite sono state combattute e tese, ma era chiaro che Carlsen avrebbe fatto affidamento sul suo vantaggio significativo nel controllo del tempo più veloce su Caruana piuttosto che spingere per una vittoria totale . Vincere tre delle tre partite rapide giocate ha dimostrato la sua strategia giusta.

LEGGI ANCHE :  CDL annuncia le informazioni sulla trasmissione e YouTube è vistosamente assente

2021: una vittoria schiacciante

Come tanti altri aspetti della vita, il Torneo dei candidati per il prossimo ciclo è stato interrotto dal COVID-19, costringendo gli organizzatori a posticipare l’evento a metà a causa del blocco in Russia. Ciò è stato di grande beneficio per il mercuriale Ian Nepomniachtchi, noto per aver iniziato con forza nei tornei e per essere svanito verso la fine.

Alla fine, è riuscito a sfruttare le sue ottime prestazioni nella prima metà dell’evento per superare il traguardo, ma questa sua tendenza è stata spietatamente esposta da Carlsen. Cinque pareggi sono stati seguiti dalla partita più lunga nella storia del campionato mondiale di scacchi, in cui il norvegese ha ottenuto una vittoria cruciale. Nepo si è autodistrutto subito dopo, perdendo le partite 8 e 9 per errori scioccanti e insoliti, e ancora una volta in partita 11, perdendo 3,5-7,5.

2023: un mistero per tutti noi

Se Carlsen decidesse di non difendere il suo titolo, i primi due classificati del Torneo dei Candidati si batterebbero in una partita per determinare il suo successore. Questo rimane un grande se, per ora.

Magnus difenderà il suo titolo nel 2023?

Difendere di nuovo il suo titolo equivarrebbe alle sei vittorie di campionato di Emanuel Lasker, anche se è improbabile che lo raggiunga in termini di regno complessivo, che è durato 27 anni. Gli scacchi moderni sono caratterizzati da partite di campionato del mondo molto più frequenti, e c’è stata anche la piccola questione della prima guerra mondiale che ha gettato una chiave inglese nel lavoro sportivo nel caso di Lasker.

Gli obiettivi più ragionevoli di Mikhail Botvinnik (1948-1963, 13 anni in totale, non consecutivi) e Garry Kasparov (1985-2000, 15 anni consecutivi) sono entrambi nel mirino, avendo vinto il titolo mondiale nel 2013 e detenendo su di esso da allora.

Finora il campione del mondo non ha detto nulla di definitivo, ma ha subito sventato la possibilità di non partecipare al prossimo incontro di campionato del mondo dopo aver sconfitto Ian Nepomniachtchi nel match del 2021. Le interviste alla sua squadra lasciano intendere che stavano pianificando da tempo perché la partita di Nepo sia una sorta di “ultimo evviva”, ma la migliore indicazione che abbiamo finora sono le stesse parole di Carlsen:

“Non mi sono avvicinato a giocare un’altra partita di prima, ma ci sono stati anche momenti in cui non sono sicuro al 100%. Prenderò quella decisione più tardi. Ma se c’è qualcuno che si aspetta e spera ancora che io dica di sì al gioco, dovrò prepararlo a rimanere deluso. […] Ad un certo punto ho deciso che ero motivato a giocare per il titolo mondiale, e ha funzionato, ma ho sentito in molti modi che troppo della mia identità era legata al titolo mondiale, e non mi è mai piaciuto”.

Magnus Carlsen

In questo momento, sembra che solo il successo di Alireza Firouzja, un prodigio della prossima generazione di giocatori e attuale numero 2 al mondo, sarebbe una sfida abbastanza interessante da consentirgli di riconsiderare la sua posizione. Guardare le sue statistiche attuali contro il campo nel Torneo dei candidati conferma in qualche modo il suo punto: i record della vita mostrano che Carlsen ha segnato 51 vittorie e 14 sconfitte (con 116 pareggi) contro il campo, che è considerato uno dei più forti di tutti i tempi.

LEGGI ANCHE :  Niente di grave: Jay3 dimostra che i nerf di Sojourn hanno fatto ben poco per intaccare il potere dell'eroe della seconda stagione

È un record incredibile e mostra quanto sia ampio il divario tra il campione del mondo e i suoi rivali, e spiega anche perché potrebbe non essere interessato alla faccenda estenuante della partita di campionato.

Per quanto possa essere deludente per i fan di scacchi di tutto il mondo vederlo rinunciare al suo titolo, almeno possiamo tutti consolarci dal fatto che Carlsen non ha intenzione di smettere di giocare a scacchi in modo competitivo: infatti, ha affermato che la barriera di 2900 rating sembra come una ricerca molto più interessante per lui rispetto all’ennesima difesa del titolo.

È difficile immaginare come qualsiasi altro “campione del mondo” sarebbe stato preso sul serio con Carlsen ancora in giro come concorrente. Molto probabilmente non sapremo con certezza cosa accadrà nel mondo degli scacchi fino a dopo il Torneo dei Candidati, quando Carlsen e il resto del mondo scopriranno chi sarebbe il suo prossimo potenziale sfidante.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *