Mentre il maggiore PGL CSGO di Anversa si avvicina, il bug dell’allenatore domina la conversazione

Mentre il maggiore PGL CSGO di Anversa si avvicina, il bug dell’allenatore domina la conversazione


PGL Major Antwerp inizierà tra pochi giorni, ma invece di discutere delle incredibili trame che portano all’evento, ci troviamo a discutere di un altro capitolo di una saga che si trascina senza fine.

All’improvviso, la discussione è cambiata.

Non stiamo più parlando del viaggio straordinario di Bad News Eagles, delle possibilità di Finn “karrigan” Andersen di rompere la sua Major Duck con il miglior elenco di FaZe della storia, o della capacità di NAVI di difendere la corona di Stoccolma.

Nelle ultime 24 ore, il famigerato bug dell’allenatore è stato in prima linea nella coscienza della scena di CS:GO.

L'ESIC bandisce altri 35 giocatori CSGO Counter-Strike per reati di scommesse.
Valvola / ESIC

L’ESIC ha provvisoriamente sospeso tre allenatori CS:GO prima del Major di Anversa

Tutto è iniziato con l’annuncio della Esports Integrity Commission (ESIC) che tre allenatori senza nome presenti al prossimo Major ad Anversa erano stati provvisoriamente sospesi dopo aver utilizzato una delle varianti più gravi del bug spettatore. È stato scoperto che un quarto allenatore, anch’esso senza nome, ha utilizzato il bug della visuale in terza persona, ma a causa del basso rischio che questa variante pone gli sarà permesso di allenare in Belgio.

La suspense è iniziata subito dopo la diffusione della notizia, anche se ormai era risaputo che Luís “pacificatore” Tadeu fosse uno dei tre allenatori squalificati. Il brasiliano aveva riscontrato la variante free roam del bug, il più potente dei tre, che dava agli allenatori la possibilità di “volare” inosservato sulla mappa.

Dexerto conosce il modo in cui l’ESIC ha annunciato le sospensioni, senza nominare immediatamente gli allenatori coinvolti, che ha creato tensione tra le squadre presenti al Major. Alcuni allenatori hanno iniziato a chiedersi se sarebbero stati sospesi poiché in passato c’erano stati casi in cui gli allenatori non erano stati contattati dall’ESIC prima che comunicasse i suoi risultati al pubblico.

LEGGI ANCHE :  Anteprima estiva di LEC Rogue, la maledizione continua

Se suona strano che un allenatore che non dovrebbe avere nulla da temere la pensi in questo modo, è importante tenere presente che i casi possono risalire fino al 2016. In quei sei anni, gli allenatori sono stati coinvolti in centinaia di partite ufficiali, non per citare gli scrim giornalieri e fino ad agosto 2020, quando il bug dello spettatore è stato reso pubblico, poche persone avevano una conoscenza completa di cosa fosse questo problema tecnico. A questo clima di inquietudine si aggiunge la politica di sparare prima, porre domande dopo, che era la norma nella prima ondata di divieti e nell’indagine australiana (ricordatelo?).

João Ferreira per PGL

Hally di Team Spirit è uno dei tre allenatori che sono stati provvisoriamente sospesi

Negli ultimi due mesi, Dexerto ha contattato un certo numero di allenatori che hanno sperimentato in qualche modo il bug dello spettatore e sono oggetto di indagine da parte dell’ESIC. La maggior parte di loro ha espresso sorpresa dopo essere stata presentata con prove e ha insistito per non ricordare questi casi. Hanno affermato di considerare il bug solo come un’anomalia quando lo hanno incontrato e non ci hanno pensato.

Una storia infinita

Nel pomeriggio del 6 maggio l’ESIC ha finalmente confermato i nomi dei tre allenatori che erano stati provvisoriamente sospesi. Il pacificatore di Imperial, Rafael “zakk” Fernandes di 9z e Sergey “hally” Shavaev di Spirit sono stati tutti presentati con avvisi di accusa e una sanzione prevista. Al trio è stato concesso un tempo imprecisato per rispondere alle accuse.

LEGGI ANCHE :  L'ADC più giocato della LEC Superweek

Prima di allora, però, Spirit e 9z erano già usciti per confermare che i loro allenatori sarebbero stati sospesi per il Major. In una dichiarazione pubblicata anche su Reddit, l’organizzazione della CSI ha accusato l’ESIC di “attaccare allenatori che semplicemente non possono difendersi” e ha messo in dubbio la legittimità dell’associazione.

Il fondatore e CEO di 9z Francisco Postiglione si è poi aggiunto al rumore esortando i fan della squadra a esprimere supporto utilizzando l’hashtag #FreeZakk in modo che PGL se ne accorgesse.

Senza entrare nella discussione se queste sospensioni siano giustificabili (questa di per sé è un’altra discussione), è facile capire perché i tempi dell’annuncio dell’ESIC non avrebbero potuto essere peggiori: le squadre avevano tempo fino a cinque giorni prima dell’inizio del Major per cambiare il loro allenatore. Con l’annuncio del 5 maggio avvenuto dopo tale scadenza, le squadre interessate sono state lasciate senza la possibilità di trovare un sostituto.

E poi c’è anche la domanda sul perché ESIC si sia seduto su queste informazioni per oltre un anno, con Michal Slowinski (l’amministratore del torneo che ha svolto un ruolo centrale nello scoprire lo scandalo dei bug nel 2020), affermando che entro la fine di marzo 2021 aveva completato la sua indagine e fornito all’ESIC l’elenco di tutti i casi.

LEGGI ANCHE :  MC Championship Pride (MCC) 2022 raccoglie oltre $ 145.000 per The Trevor Project

Questo è qualcosa di cui l’ESIC alla fine dovrà rispondere e che lascia l’amaro in bocca: accusati rispettivamente di un giro e mezzo di un bug statico, Hally e Zakk sarebbero stati in grado di partecipare al maggiore di Anversa se L’ESIC aveva pubblicato i suoi risultati in modo tempestivo. Anche se giudicati colpevoli, sarebbero stati banditi solo per il maggiore di Stoccolma.

Ma non è ancora finita, tutt’altro, con quasi un centinaio di allenatori rimasti a caricare formalmente. Seguiranno molti capitoli e, come una telenovela messicana, avrà molti colpi di scena, la suspense e il rumore che risucchiano continuamente la vita dall’esport.

PGL Maggiore Stoccolma
PGL Esport

Il PGL Major Antwerp inizierà lunedì, con 24 squadre presenti

Fino a quando tutto questo non sarà fatto e non avremo una sorta di chiusura, siamo obbligati a continuare a rivisitare questa storia, ogni volta con protagonisti diversi. Questo è ciò che stiamo facendo in questo momento, invece di parlare di 9z che fanno la storia per il CS sudamericano, IHC Esports è il primo rappresentante mongolo a un Major, o Imperial’s Last Dance.

Il lunedì non può arrivare abbastanza presto.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.