OWL e CDL (COD League) potrebbero abolire il Salary Cap

OWL e CDL (COD League) potrebbero abolire il Salary Cap

La OWL (Overwatch League) e la CDL (Call of Duty League) hanno imposto una legge che ha cambiato tutto. Come altre competizioni in Nord America, i leader di entrambi i campionati hanno deciso di imporre un tetto salariale e una tassa sul lusso. Altre competizioni, come l’NBA o la NFL, avevano già queste regole. E l’idea era quella di creare qualcosa di simile con le franchigie di questi campionati. Tuttavia, questa decisione potrebbe richiedere meno tempo del previsto.

All’inizio di luglio di quest’anno, è diventato ufficiale che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti stava indagando su queste leggi. A quanto pare, andavano contro i sindacati dei giocatori e il potere contrattuale dei lavoratori. Anche se Activision Blizzard deve ancora confermarlo, ci sono già voci a riguardo.

Il sindacato dei players, il problema principale di questa legge in Ovewatch

Sebbene questi limiti siano stati introdotti per garantire l’integrità competitiva, le organizzazioni potrebbero non essere d’accordo. Senza questa legge, i giocatori sarebbero coinvolti in una “guerra di offerte illimitate”, e quindi i contratti sarebbero ancora più alti.

Sebbene ci sia stato un tentativo di gestire un’unione di giocatori da parte di due dei giocatori più significativi della COD League (Scump e Crimsix), sembra che fosse solo un’idea. Per questo motivo, il Dipartimento di Giustizia ha indagato su questa legge. E poiché questo sindacato non esiste ancora, ha deciso di indagare. Ecco perché questi sistemi di tassa sul lusso e di tetto salariale potrebbero essere aboliti per la stagione successiva. 

Nulla è ancora chiaro, e nonostante Kevin Hitt (un reporter di Sports Business Journal) abbia dichiarato che stanno pianificando di sradicare questi limiti massimi, dovremo aspettare per vedere cosa succede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.