Secondo quanto riferito, un dipendente di TSM chiama il CEO Reginald alla riunione del municipio dell’azienda a seguito dei risultati delle indagini

Secondo quanto riferito, un dipendente di TSM chiama il CEO Reginald alla riunione del municipio dell’azienda a seguito dei risultati delle indagini


A seguito del rilascio dei risultati di un’indagine sull’amministratore delegato di TSM Andy “Reginald” Dinh e delle accuse di aver abusato verbalmente e molestato i dipendenti, la società ha tenuto una riunione del municipio dopo che l’indagine ha rilevato che “non c’era condotta illegale” da parte di Dinh.

Durante l’incontro, tuttavia, secondo quanto riferito, un dipendente di TSM ha espresso pubblicamente le proprie lamentele con Dinh in merito a come sono stati annunciati i risultati e se si sarebbe verificato un potenziale cambiamento culturale. Secondo Lanciatore di Washington Post giornalista Mikhail Klimentov, un dipendente ha chiesto a Dinh perché TSM ha informato i propri sponsor dei risultati dell’indagine prima dei dipendenti.

LEGGI ANCHE :  Auguri di buone feste: Valve rilascia l'aggiornamento invernale di Dota Plus con il nuovo tesoro stagionale

Lo stesso dipendente avrebbe messo in dubbio la probabilità di un cambiamento culturale in TSM, considerando che Dinh ha descritto le accuse iniziali come “altamente esagerate”. Il dipendente ha anche accusato Dinh di averli abbandonati per una promozione e ha detto che Dinh aveva detto loro che “non sarebbero stati in grado di gestire il suo bullismo”. Secondo quanto riferito, Dinh ha risposto che non ricordava di averlo detto al dipendente.

Le accuse di prepotenza di Dinh ai dipendenti di TSM sono emerse nel novembre 2021, inclusa un’accusa pubblica in streaming da parte dell’ex giocatore di TSM e League of Legends star Yiliang “Doublelift” Peng. A seguito di queste accuse, il consiglio di amministrazione di TSM ha creato una sottocommissione speciale e ha assunto l’investigatore e avvocato Lynne Davis per condurre un’indagine.

LEGGI ANCHE :  I giocatori corrono fino al livello 70 del World First in WoW Dragonflight in poche ore

L’indagine di Davis ha rivelato che non c’era “alcuna condotta illegale” da parte di Dinh, né condotta inappropriata “mirata e/o basata su qualsiasi caratteristica protetta, ad esempio sesso, razza, religione, orientamento sessuale”. Tuttavia, l’indagine ha scoperto che Dinh ha fornito un feedback in un “tono aggressivo, duro e frustrato”. Tre testimoni avevano anche affermato di averlo sentito chiamare i dipendenti “stupidi”, “spazzatura” o “inutile”, ma altri testimoni hanno affermato che si riferiva a un prodotto del lavoro e non ai dipendenti stessi. Sei dei 31 testimoni intervistati “hanno caratterizzato la condotta del signor Dinh come un ‘bullo’ e creando una ‘cultura della paura’”. Gli altri 25 no.

LEGGI ANCHE :  Panda rinvia la Panda Cup Finale, estromette il CEO mentre il contraccolpo di Smash raggiunge il culmine

Secondo quanto riferito, Dinh ha accettato per se stesso la formazione per dirigenti obbligatoria, così come la formazione alla leadership, la formazione sulla costruzione della cultura e una linea diretta di segnalazione anonima per i dipendenti per presentare reclami futuri.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *